.
Annunci online

ghirone
chiacchiere di attualita' e politica italiana ed internazionale


TERRORISMO ISLAMICO, frutto occidentale?


19 febbraio 2004

TERRORISMO ISLAMICO:frutto occidentale? 2





2- DAL FONDAMENTALISMO ALL'INTEGRALISMO AL TERRORISMO




I passi sono i seguenti: nascita del Wahabismo, conquista della penisola arabica, scoperta di giacimenti di petrolio, arricchimento, inizio del proselitismo con la diffusione di Madrasse, finanziamenti umanitari ( ospedali, sovvenzioni ai bisognosi ecc) per farsi benvolere dalla gente, presa di coscienza, integralismo, terrorismo religioso.


Il vero punto di svolta sta nella guerra di liberazione dell'Afghanistan.


Al momento dell'occupazione sovietica dell'Afghanistan, tutte le opposizioni religiose avevano le loro basi in Pakistan e avevano aiuti principalmente dai Sauditi e dagli Stati Uniti. Fu pubblicizzata la Jihad contro l'infedele russo e chiunque avesse voluto partecipare bastava si recasse in un'ambasciata Pakistana di qualsiasi parte del mondo e gli venivano forniti 1000 dollari e un biglietto aereo per Islamabad, da lì breve addestramento e destinazione terra afgana per partecipare alla resistenza. Osama Bin Laden era uno di questi anche se le cronache maligne dicono che più che un combattente fosse un imboscato.


Gli Usa fornirono le armi, tra le quali i famigerati missili Stinger fino ad allora forniti solamente al superalleato Israele (missili che in seguito furono usati contro gli aerei americani), ed i finanziamenti di Stati Uniti, Arabia Saudita e vari stati europei raggiunsero, nel periodo, i 10 miliardi di dollari.


Finita la guerra in maniera vittoriosa, tutti gli stranieri tornarono nei paesi di origine e con l'aiuto economico Wahabita furono creati Movimenti terroristici volti a trasformare i propri stati in paesi islamici.


Si ha il ritorno dei "Fratelli musulmani" in Egitto ( gruppo nato nel 1928 ma caduto in disgrazia dopo la condanna a morte del proprio leader Sayyid Qutb nel 1966), la cui fede è professata anche in molte Moschee negli stati occidentali, tra i quali l'Italia. In tutto il mondo islamico nascono nuovi gruppi, tutti da ricondursi al pensiero Wahabita, il GIA algerino, Abu Sayyaf nelle Filippine, Hamas e Jihad in Palestina e tutte le infiltrazioni di "arabi" dalla Somalia al Marocco, dalla Cecenia alla Cina occidentale, sempre con base logistica nell'Afghanistan talebano, con il coordinamento e la ricerca di fondi di Osama bin Laden e la guida del dottor Aymam al-Zawahiri.


Dopo la lotta interna ai paesi musulmani, con l'obiettivo finale di un unico territorio pan-islamico avente la Sharia come legge, si passa a colpire gli infedeli paesi occidentali, Stati Uniti, grande satana, in testa, rei di difendere i paesi islamici corrotti sfruttandone le risorse.








permalink | inviato da il 19/2/2004 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


11 febbraio 2004

TERRORISMO ISLAMICO: frutto occidentale?




1- Nascita del fondamentalismo islamico




Intorno all'anno mille, l'unica luce di tolleranza in terra europea, si trovava in Sicilia e in Andalusia che erano dominate dai Califfi Arabi.




Esisteva la libertà di culto per le tre religioni monoteiste, anche se cattolici ed ebrei dovevano farsi riconoscere e avevano un'imposizione fiscale maggiore.




Con il passare dei secoli, dopo le tante vicende storiche, cominciando dalle crociate, grazie all'Illuminismo e conseguentemente alle rivoluzioni americana e francese, il pensiero occidentale è diventato molto più tollerante, mentre il mondo arabo ha avuto una sorta di fermo ed addirittura, per molti versi, una regressione nel secolo scorso.




La responsabilità principale risiede nel Wahabismo della cui diffusione sono inconsciamente responsabili gli inglesi prima e gli statunitensi poi.




Questo movimento islamico fu fondato nel XVIII secolo da Muhammad ibn Abd al-Wahab che convertì Muhammad ibn Sa'ud il cui figlio Abn El-Aziz fu fondatore dell'impero Wahabita.




L'errore degli inglesi fu quello di aver aiutato (in pratica imposto) la dinastia dei Sa'Ud (ricchi pastori di capre) a conquistare il trono dell'Arabia poi Saudita a danno della dinastia Hashemita, avente diritto in quanto diretti discendenti del Profeta (l'attuale sovrano Abdallah II ne è il quarantaduesimo discendente in linea diretta), i quali furono poi tacitati con la nascita e l'assegnazione di uno stato inventato a proposito, la Giordania.




Con la scoperta dei giacimenti di petrolio nella penisola arabica e l'incredibile arricchimento della casata saudita, ha inizio la divulgazione del wahabismo (ritorno dell'Islam alla "purezza originaria") in tutto il mondo islamico con l'apertura ed il finanziamento di Madrasse (scuole coraniche).




permalink | inviato da il 11/2/2004 alle 12:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia           
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
brevi
Venti di Guerra
Palestina
CUBA
Resto del Mondo
IRAQ
interno
libri e film
L'ITALIA CHE VOGLIO, NELL'EUROPA CHE VOGLIO, NEL MONDO CHE VOGLIO
NIENTE E COSI' SIA MY LAI
LEZIONI DI POTERE
FACEZIE
TERRORISMO ISLAMICO, frutto occidentale?
COSTITUZIONE ITALIANA
AMERICA LATINA
PENA DI MORTE
Venezuela
Guatemala
pillole
Iran
IL MERCANTE IN FIERA
FRASI FAMOSE

VAI A VEDERE

gianni minà
noam chomsky
claudio sabelli fioretti
emergency
medici senza frontiere
altrapagina-mensile città di castello
la repubblica
iraqbodycount
limes
Moni Ovadia
il blog di lia
l'Unità


siete poveri?

cazzi vostri...


QUESTO BLOG E'

PROFONDAMENTE

ANTIFEDERALISTA

 

...ERA

UN

MONDO

ADULTO,

SI

SBAGLIAVA

DA

PROFESSIONISTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CERCA